Sicilian

Print
This page reports feedback that has been received for the Ethnologue description of this language.
Login or register to give feedback on this language

Siciliano, calabrese e salentino

Marco Trizzino, Thu, 2014-11-06 18:28
Regarding: 
Dialects
ISO 639-3: 
scn
Buonasera. Il salentino (da Voi indicato come "The Pugliese dialect of Italian"), insieme alle parlate isolane e alle varianti della Calabria centro-meridionale, appartiene a un gruppo che nella "Carta dei dialetti d'Italia" di Pellegrini viene etichettato come "dialetti meridionali estremi". Tipologicamente, quindi, salentino e siciliano appartengono a un gruppo linguistico caratterizzato, per vari motivi che non sto qui a elencare, da identici esiti dal latino (non tutti dovuti alla presenza romana in queste zone: molto, ad esempio, si deve all'influsso del greco bizantino) e che possiamo chiamare "Sicilian language", ma allora va bene che il salentino appartenga tipologicamente alla "lingua siciliana", meno corretto - a mio parere - è affermare che in Salento si parla siciliano. Se per la Calabria reggina (e non solo) si può parlare di influsso diretto di Messina e del suo idioma nel processo di mutamento del codice linguistico (da greco a romanzo, e il modello non poteva che essere quello messinese: troppo distante il romanzo napoletano; cfr. F. Fanciullo), per il Salento le cose sono diverse e la somiglianza (relativa) tra salentino e siciliano è dovuta ad altri fattori (e, detto francamente, non mi dispiacerebbe un domani vedere un codice ISO tutto per il salentino, nonché un suo "riconoscimento" da parte dell'Unesco). Penso che lo stesso discorso possa valere anche per altre lingue d'Italia (=parlate nello Stato italiano): mi viene in mente il caso dell'emiliano-romagnolo, qualche anno fa "diviso" in due lingue connesse ma autonome, con propri codici ISO, ma si pensi anche al "South Italian" (Italiano del Sud?), da Ethnologue definito "Napoletano-Calabrese" per le grasse risate di accademici da me stesso udite in più occasioni (d'altronde, quale comune dell'Abruzzo o del barese si autodefinirebbe "di lingua napoletano-calabrese"?). E se comunque negli ultimi esempi citati esiste una continuità territoriale, tra Sicilia e Salento neanche questo: la distanza tra Messina e Santa Maria di Leuca è praticamente identica a quella che intercorre fra Trapani e Villasimius!